top of page

IL RITORNO DI OKINAWA, 50 ANNI

Maggio 1972, Okinawa torna al Giappone


(Articolo a cura di M.Matteo Gagliardi, Direttore del Centro Culturale Italia Giappone ''Sicomoro'' in Italia)


Ciao, bentornato nel nostro blog!


Oggi vorrei parlarti di Okinawa, in occasione dei 50 anni dal suo ritorno in Giappone.

Maggio 1972 → Maggio 2022


È praticamente impossibile riassumere tutta la storia di Okinawa, perché bisognerebbe parlare anche di tutta la storia del Giappone.

Sarebbe anche difficile riassumere solo Okinawa, per le sue innumerevoli risorse culturali, storiche, gastronomiche ecc.


Quindi scriverò solo delle "pennellate" su questo meraviglioso arcipelago.



La prefettura di Okinawa (Okinawa-ken) è la prefettura più meridionale del Giappone.

Fa parte dell'arcipelago Ryukyu (o arcipelago di Nansei secondo il suo nome ufficiale giapponese), che a sua volta è composto da più di un centinaia di isole, anche se la maggior parte di esse sono piccoli isolotti di corallo disabitati.


Questo arcipelago deve il suo nome al regno di Ryukyu, un regno indipendente che ha governato le isole per secoli e motivo per cui la storia, la cultura e gli abitanti di Okinawa sono così diversi da quelli di altre aree del paese.

Questa prefettura è composta da tre gruppi di isole all'interno di questo arcipelago: Okinawa, Miyako e Yaeyama.


(Spiaggia di Tokashiki)



Storia

 

La creazione di questo arcipelago è circondata da miti.

La leggenda narra che l'imperatore del cielo, Tentei-shi, guardò in basso dal suo castello celeste, e vedendo che non c'era terra, ordinò alla dea Amamikyu di creare le isole Ryukyu.

All'inizio, l'imperatore fornì alla dea materiali per costruire campi, montagne ed edifici, ma quando Amamikyu voleva plasmare gli abitanti, scoprì che non aveva il potere di farlo.


Non ricevendo una risposta dal cielo, e poiché le altre divinità non volevano avere nulla a che fare con la terra, lei e il dio Shierikyu finirono per generare cinque figli, tre uomini e due donne: il primogenito divenne il re delle isole, il secondo il primo signore feudale e il terzo maschio divenne un contadino.

Le due figlie erano diventate sacerdotesse Noro, incaricate di mantenere l'unione familiare.

La prima divenne un'alta sacerdotessa, protettrice della famiglia reale, e la figlia più giovane divenne la sacerdotessa della città.


Questo mito segna l'inizio della storia e della cultura di Okinawa, e la sua eredità continua fino ad oggi, dal momento che i figli degli dei sarebbero i genitori dei primi abitanti dell'arcipelago (alcuni sostengono, tuttavia, che gli abitanti di Okinawa siano i figli dell'oceano, in una versione molto meno divina della loro nascita).


(Naha, capitale della prefettura di Okinawa)


Ma poiché era un regno indipendente sopravvissuto sulla base delle relazioni con la Cina, Okinawa ha dovuto affrontare i tentativi del Giappone, prima, e degli Stati Uniti, in seguito, di impadronirsi a causa della sua posizione strategica.


Pertanto, la storia di Okinawa è stata una lotta costante per mantenere la sua autonomia.

Finalmente annessa al Giappone durante la restaurazione Meiji, la seconda guerra mondiale lasciò l'isola quasi senza abitanti dopo la sanguinosa battaglia di Okinawa, durante la quale molti dei cittadini morirono cercando di fuggire.

Dopo la seconda guerra mondiale, Okinawa divenne un'amministrazione americana, e fu solo nel 1972 che fu restituita al Giappone.


Ad oggi, una grande quantità delle basi militari degli Stati Uniti si trova ancora in questo arcipelago, anche se molti stanno iniziando a protestare affinché sia trasferita in un altro posto.


Nonostante ciò che ci si poteva aspettare, così tanti secoli di tragedie e occupazioni non sono riusciti a eliminare la cultura, l'arte e la storia di Okinawa. Sebbene le influenze di Cina, Giappone e Stati Uniti siano ormai evidenti, la cultura Ryukyu rimane e gli Uchinanchu (come si definiscono gli abitanti di Okinawa) la difendono e la mostrano con orgoglio.


(Centro città di Naha)


Cosa visitare

 

Nonostante il suo passato, oggi Okinawa accoglie con sorrisi visitatori e turisti.

Essendo una delle destinazioni preferite dai giapponesi per sfuggire allo stress, ogni anno aumenta anche il numero di turisti provenienti da altre parti del mondo.

Non appena atterri all'aeroporto di Naha, la capitale della prefettura di Okinawa, si capisce perché i nativi di questa parte del Giappone si sentono diversi.


Okinawa si muove a un ritmo diverso dal resto del paese, i suoi abitanti ballano al suono della tranquilla armonia ma della forte personalità dei climi subtropicali.

La danza tipica della zona, l'Eisa, eseguita da giovani donne e uomini che ballano al ritmo dei tamburi, ne è un esempio.

Così come il suo dialetto, considerato una lingua a sé stante da molti e oggi in pericolo di estinzione.


Il piccolo aeroporto della capitale attraverso il quale si entra nella prefettura sembra più una stazione degli autobus che un aeroporto, e non appena si lascia la porta ci accolgono i due grandi "Shisha", i leggendari guardiani metà leone e metà cane.

(Shinsha, i guardiani di Okinawa)


Naha si trova sull'isola principale della prefettura, Okinawa-Honto, ex centro della dinastia Ryukyu.

Con i suoi 325.000 abitanti, Naha (Naha-shi), è una città vivace da cui è facile dimenticare che è stata ridotta quasi in cenere durante la guerra.

Questa città è oggi un centro di modernità: edifici alti e colorati, una monorotaia sopraelevata dall'aspetto futuristico e una strada principale illuminata, Kokusai-dori, piena di gente e tutti i tipi di negozi e ristoranti.


Un'altra attrazione di questa città è il castello di Shuri-jo, ex casa della dinastia Ryukyu.

Questo castello, che porta l'antico nome della capitale, fu costruito nel 1300 e, sebbene ciò che può essere visitato oggi sia solo una replica, mantiene intatta l'essenza del passato.

Inoltre, dalla cima della montagna in cui si trova ci sono splendide viste sulla città.


(Castello Shuri-jo)


Sebbene la natura vivace della città ci faccia dimenticare che Okinawa era il centro di una guerra pochi decenni fa, la prefettura ha molti monumenti che possono essere visitati in modo da poter ricordare tutti coloro che hanno perso la vita in guerra.


Il più grande di questi è il Parco della Pace, in giapponese "Okinawa Senseki Kokutei Kōen", nel sud dell'isola principale.

Questo parco si concentra sulle tragiche esperienze dei cittadini di Okinawa durante l'occupazione.


All'interno del percorso verso questo parco c'è "Himeyuri no To", un ex ospedale di guerra che ha assistito a uno dei momenti più drammatici dell'occupazione americana: il suicidio di quasi tutti i 240 studenti infermieri, che hanno curato i soldati giapponesi durante la battaglia di Okinawa, per paura di violazioni sistematiche da parte dei soldati americani.





Se al visitatore piace la storia e vuole farsi un'idea di come apparivano i villaggi di Okinawa in passato, un posto da visitare è il Ryukyu Mura, o villaggio Ryukyu, al nord di Naha.

Una ricreazione ben tenuta di come vivevano gli isolani sotto il regno Ryukyu, con spettacoli di danza e teatro, o di strumenti di musica tradizionale come lo "Shanshin", uno strumento a tre corde, di solito fatto di pelle di pitone, precursore del famoso "Shamisen".


Tuttavia, se non vuoi visitare una riproduzione, molte delle tombe tradizionali si trovano ancora ovunque sull'isola, chiamate tombe di tartarughe a causa della loro somiglianza con questo animale.

Gli abitanti di Okinawa affermano di rappresentare il grembo di una madre, al quale dicono che torniamo quando moriamo.

Inoltre, si possono trovare ovunque coppie di "Shisha", sia nei templi che in cima alle case degli abitanti dell'isola.


(Parco della Pace, "Okinawa Senseki Kokutei Kōen")



Natura

 

Ci sono molti giapponesi e stranieri che vengono a Okinawa in cerca della natura, un'altra meraviglia dell'isola.

Non sorprende che, con una fauna e una flora così spettacolari, questa prefettura sia il luogo di nascita di tutti i tipi di creature mitologiche, come troll e draghi.

Circondata da montagne verde smeraldo, un mare così trasparente che non hai nemmeno bisogno di occhiali subacquei per guardare i pesci rossi schivare i coralli e un clima caldo tutto l'anno, Okinawa è il luogo ideale per i viaggiatori che amano la natura.


All'interno della stessa Okinawa-Honto, l'isola principale, puoi trovare spiagge molto pulite e curate.

Anche così, per godere della vera bellezza dell'arcipelago, si consiglia di prendere uno dei tanti traghetti che partono dall'isola principale per le altre isole che compongono la prefettura, economico e di breve durata.


Le attrazioni turistiche delle isole che circondano Okinawa-Honto sono spiagge di sabbia bianca, escursioni tra le montagne, snorkeling e immersioni subacquee.

Le isole "Kerama", le più vicine all'isola principale, sono forse le più interessanti per gli amanti del mondo acquatico che non hanno molti giorni per godersi l'arcipelago.

Le isole "Miyako" hanno alcune delle spiagge più belle della prefettura, il che le rendono perfette per coloro che vogliono prendere il sole e riposare; e le isole Yaeyama, per essere più lontane dal trambusto delle aree più popolate e sede delle ultime giungle subtropicali vergini del Giappone, sono perfette per gli amanti di sport e avventura.



Gastronomia

 

A causa ancora una volta delle influenze della Cina e degli Stati Uniti, nonché del loro clima, diverso dal resto del Giappone, i piatti tipici di Okinawa differiscono notevolmente da quelli del resto del paese.


Alla gente di Okinawa piace mangiare e bere fuori.

È facile trovare un buon ristorante o bar dove gustare piatti tipici, specialmente all'interno delle città.

Ma anche nelle città più piccole, è difficile non trovare buon cibo servito con molta gentilezza e cura.


Tra gli ingredienti unici e più popolari della cucina di Okinawa, ci sono: "Goya", una verdura amara che viene utilizzata per piatti come il "Champuru", e "Umibudo", letteralmente uva di mare, piccole alghe a forma di palline e servite con aceto per accompagnare le bevande.


Oltre a "champuru" e "umibudo", Okinawa è famosa per la sua soba.

Anche se questo piatto porta lo stesso nome di quelli serviti nel resto del Giappone, il diverso modo in cui vengono preparati i noodles, così come gli ingredienti che lo accompagnano, gli conferiscono un sapore totalmente diverso dal resto del paese.

Tra le ricette che Okinawa ha assimilato dopo l'occupazione americana, c'è il "Taco Raisu", un pasto economico, preparato principalmente a base di riso e carne macinata.


(Champuru, チャンプルー)


(Tako Raisu, タコライス)


(Umibudo, 海ぶどう)



Ma parlare di mangiare a Okinawa significa anche gustare un buon drink.

Il più popolare di loro è la birra "Orion", originaria dell'arcipelago e che oggi è famosa in tutto il paese per essere molto facile da bere e rinfrescante.

Oltre alla birra, un'altra delle bevande più tipiche è "Awamori".

Questa bevanda alcolica di quasi 40 gradi è creata dal riso, una varietà di riso diversa da quella utilizzata nel resto del Giappone, che gli conferisce un sapore unico e particolare.



Senza dubbio Okinawa è speciale.

La sua creazione, circondata dalla magia, dall'intensità della sua storia, da una natura bellissima e dalla personalità forte ma allegra e piacevole della sua gente, la rendono una destinazione quasi obbligatoria per gli amanti del caldo , del turismo marittimo e dei climi subtropicali, dove sembra che tutto si muova a un ritmo più lento, al ritmo delle tre corde di uno shanshin.





Articolo a cura di M.Matteo Gagliardi, Direttore del Centro Culturale Italia Giappone ''Sicomoro'' in Italia


TI È PIACIUTO L'ARTICOLO?



SE VUOI RICEVERE UNA NOTIFICA OGNI NUOVO ARTICOLO REGISTRATI SUL SITO.

(Ogni lunedì un nuovo articolo)


CHE COS'È IL CENTRO CULTURALE ITALIA GIAPPONE ''SICOMORO''?


350 visualizzazioni0 commenti

Comentarios


bottom of page