top of page

La Famiglia Imperiale del Giappone

L'Imperatore giapponese, simbolo della nazione e dell'unione del suo popolo.


Articolo a cura di M.Matteo Gagliardi, Direttore del Centro Culturale Italia Giappone ''Sicomoro'' in Italia



Bentornato sul nostro spazio di cultura e curiosità sul Giappone.

Oggi ti parlo della Famiglia Imperiale giapponese, cercando di fare un riassunto chiaro e di veloce lettura.


La famiglia imperiale riunita per festeggiare il nuovo anno.

Tutte le fotografie sono per gentile concessione dell'Agenzia della Casa Imperiale.



La più antica monarchia ereditaria del mondo

 

L'imperatore non ha né voce né voto sulle questioni di governo.

Secondo il primo articolo della Costituzione giapponese, promulgata il 3 maggio 1947 - dopo la seconda guerra mondiale - il monarca costituisce un simbolo della nazione e dell'unione del suo popolo.

Tuttavia, può assistere ad atti di stato come la nomina del primo ministro o del presidente della Corte Suprema e la promulgazione di leggi, o quando il Parlamento richiede la sua presenza.

Inoltre, incontra i capi di stato e di governo che visitano il Giappone, gli ambasciatori e altri diplomatici stranieri e gli ambasciatori giapponesi e i loro coniugi prima che partano a destinazione.


Partecipa a vari eventi pubblici, tra cui le cerimonie di premiazione e di piantagione di alberi, le udienze, le conferenze stampa, le cerimonie del tè, i banchetti - diurni e notturni - e il festival di poesia di Capodanno.

Non sono scarse le occasioni in cui viaggia in altri paesi o visita luoghi legati alla cultura e all'attività industriale del Giappone, così come le istituzioni dedicate al benessere sociale.


Negli ultimi anni, il matrimonio imperiale ha viaggiato a Okinawa, Iwojima e Palau per rendere omaggio alle vittime della guerra, e alle zone colpite da disastri naturali dell'arcipelago giapponese.

Il ruolo degli Imperatori nella conservazione di elementi della cultura tradizionale come le poesie waka e le cerimonie imperiali che si svolgono fin dai tempi antichi, come le preghiere di Capodanno, sono considerati lavori pubblici di grande importanza. Inoltre, i monarchi dedicano il tempo che gli rimane allo studio di varie discipline.


L'attuale imperatore rappresenta la generazione 126 di una linea genealogica tradizionale che si basa su diversi miti, alcuni dei quali possono essere trovati in documenti storici come il Nihonshoki, o Cronache del Giappone, che risale al 720.

Tuttavia, dall'incoronazione dell'imperatore Jimmu, presumibilmente nel 660 a.C, fino a circa il VI secolo, non ci sono informazioni conclusive sull'esistenza reale di un gran numero di monarchi.

Secondo la mitologia, le origini dell'imperatore Jimmu risalgono alla dea Amaterasu, da cui provenirebbero i tre tesori della religione sintoista - uno specchio, un gioiello e una spada - professata dai successivi monarchi giapponesi.

L'imperatore Naruhito che pianta il riso nel maggio 2019.



I limiti dell'alloggio e delle attività lavorative

 

Il termine "Casa Imperiale" allude sia all'Imperatore che alla sua famiglia. I membri della famiglia imperiale non hanno un cognome, quindi usano il loro nome solo quando firmano.

L'imperatore Shōwa era conosciuto in vita come l'imperatore Hirohito.

I monarchi giapponesi sono nominati solo dal nome della loro era in modo postumo. L'attuale coppia imperiale è conosciuta come Naruhito e Masako. I genitori di Naruhito sono ora nominati come l'imperatore emerito Akihito e l'imperatrice emerita Michiko.


I membri della Famiglia Imperiale non godono della libertà di scegliere una professione: possono dedicarsi solo ad attività senza scopo di lucro che mirano al beneficio della società; inoltre, l'imperatore deve dare il suo consenso.

Non hanno diritto di voto e non possono candidarsi come candidati alle elezioni, poiché prevalgono i loro obblighi pubblici.

Per quanto riguarda il suo patrimonio, è controllato dallo Stato. Gli Imperatori risiedono nel Palazzo Imperiale, nel distretto Chiyoda a Tokyo, mentre il principe ereditario e la sua famiglia vivono in un palazzo esclusivo per loro, il Tōgūgosho, situato ad Akasaka, sempre nella capitale giapponese (distretto di Minato).

Il resto dei membri della Famiglia Imperiale risiede in case statali sotto la gestione dell'Agenzia della Casa Imperiale.


Come curiosità, vale la pena menzionare l'esempio di Michiko, l'imperatrice Emerita, che divenne la prima donna non appartenente alla nobiltà a far parte della Famiglia Imperiale. Ha chiesto che una cucina fosse installata nella residenza imperiale e si dedicava alla cucina per la sua famiglia.


Né l'Imperatore né altri membri della Famiglia Imperiale possono adottare. Per quanto riguarda il matrimonio, quando si tratta di uomini, questo deve essere approvato dal Consiglio della Casa Imperiale. Le donne, tuttavia, sono libere di sposarsi, ma cessano di appartenere alla famiglia imperiale se il coniuge è un cittadino comune.

Imperatore e Imperatrice salutano la folla lungo la strada durante la sfilata per celebrare la loro ascesa al trono. 10 novembre 2019, distretto di Minato, Tokyo.



La successione al trono per discendenza maschile

 

La legge della Casa Imperiale stabilisce aspetti fondamentali della monarchia giapponese come il diritto alla successione, l'ordine della stessa, i membri della famiglia imperiale e la reggenza.

Secondo la Costituzione, la successione al trono del Giappone è ereditaria. Anche se si è a conoscenza dell'esistenza di imperatori figli di qualche concubina e di donne sul trono, la legge della Casa Imperiale attualmente in vigore stabilisce che solo i maschi il cui padre o nonno paterno è stato Imperatore possono accedere alla corona.



Il 70% dei giapponesi è favorevolmente alla Famiglia Imperiale

 

L'Istituto di ricerca sulla cultura della radiodiffusione della NHK ha condotto un sondaggio telefonico nel settembre 2019 per due giorni prima della cerimonia di intronizzazione del nuovo imperatore tenutasi il 22 ottobre.

Sono stati intervistati un totale di 2.790 uomini e donne in tutto il paese.

(Le cifre offerte di seguito sono state arrotondate)


Per quanto riguarda l'interesse verso la Famiglia Imperiale, il 72% degli intervistati era "molto interessato" e "un po' interessato", mentre il 27% era "niente interessato" e "poco interessato".

Maggiore era la fascia d'età, maggiore era l'interesse.


Il 71% degli intervistati ha detto di provare "molto affetto" e "abbastanza affetto", e il 27% degli intervistati ha detto di non provare "molto affetto" e "niente affetto" verso la Famiglia Imperiale.

Come per i dati relativi all'interesse, l'affetto tendeva ad aumentare con l'aumento della fascia d'età.


Per quanto riguarda il permettere alle donne di diventare imperatrici, il 74% degli intervistati ha detto di essere a favore, superando di gran lunga il numero di intervistati che hanno detto di essere contrari (12%).

La più alta percentuale di intervistati "a favore" è stata del 90% tra i giovani tra i 18 e i 29 anni.

Il numero relativamente alto di "contrario" si è verificato tra gli over 70, che hanno rappresentato il 16% del totale.


L'abdicazione dell'imperatore Akihito (oggi Imperatore Emerito) nell'aprile 2019 è stato un evento speciale che ha potuto realizzarsi grazie alla legge sulle misure speciali per la casa imperiale.

Quando gli è stata chiesta la loro opinione in merito, il 64% degli intervistati ha risposto che "dovevano prendere una decisione caso per caso", mentre solo il 25% degli intervistati ha detto che "dovrebbe essere istituzionalizzato".

Quando gli è stato chiesto se il sistema imperiale ha bisogno di essere riformato per assicurare una successione stabile al trono, la maggior parte degli intervistati ha detto che ha bisogno di essere riformato, mentre una piccola parte ha risposto di no.




Articolo a cura di M.Matteo Gagliardi, Direttore del Centro Culturale Italia Giappone ''Sicomoro'' in Italia


TI È PIACIUTO L'ARTICOLO?



SE VUOI RICEVERE UNA NOTIFICA OGNI NUOVO ARTICOLO REGISTRATI SUL SITO.

(Ogni lunedì un nuovo articolo)


CHE COS'È IL CENTRO CULTURALE ITALIA GIAPPONE ''SICOMORO''?


Комментарии


bottom of page