top of page

IL GIAPPONE NEL 1890

Antiche foto colorate a mano della vita quotidiana a Meiji Giappone, 1890

Articolo a cura di M.Matteo Gagliardi, Direttore del Centro Culturale Italia Giappone ''Sicomoro'' in Italia

Buon lunedì!

Oggi vi propongo meravigliose foto in bianco e nero dell'anno 1890, era Meiji, colorate a mano.


Sembra quasi di essere tornati nell'epoca in cui il Giappone era una fiaba.


“Portare le canne di riso al mercato.”


Dopo secoli di isolamento e diversi tentativi falliti da parte delle nazioni occidentali di aprire il Giappone alle relazioni internazionali e al commercio, la Marina degli Stati Uniti inviò il Commodoro C. Perry nel 1853 con una lettera del presidente Millard Fillmore all'imperatore del Giappone che chiedeva relazioni commerciali, cura per i marinai naufraghi e un posto dove immagazzinare carbone per le navi a vapore.


L'8 luglio 1853, le "navi nere del male mein" che fluttuavano fumo e cavalcavano senza remo o vela furono viste per la prima volta al largo del porto di Edo. La missione doveva essere il punto di riferimento alla fine del periodo feudale e all'inizio della nuova era.


Nelle parole della risposta dell'imperatore al presidente della primavera successiva, "siamo governati da una necessità imperativa". Il Giappone non poteva più isolarsi dal resto del mondo.


Già alle prese con un'economia debole, una struttura feudale in fallimento, nonché una disputa sul lignaggio, lo shogunato ha finalmente perso la fiducia del popolo quando non poteva far tornare indietro i barbari.


Il febbraio 1854 vide l'apertura dei porti di Shinoda e Hakodate.

Townsend Harris organizzò un trattato con il Giappone nel 1858 per i diritti commerciali con gli Stati Uniti, e gradualmente più porti si aprirono non solo all'America, ma anche alla Gran Bretagna, alla Francia, ai Paesi Bassi, alla Russia e agli altri paesi occidentali.


“Shiraitono-Taki (una cascata) vicino al monte Fuji.”


La xenofobia e le difficoltà economiche causate dagli stranieri hanno portato a violente proteste e all'ascesa di estremisti che hanno aborrito l'inefficacia dell'attuale situazione politica.

Alla fine, l'insoddisfazione del daimyo nei confronti dei Tokugawa ha portato a un colpo di stato militare che ha rovesciato lo shogun.


Sotto l'imperatore Meiji i vecchi sistemi feudali furono smantellati e la nazione guardò verso l'Occidente per un nuovo ideale.

Al fine di consolidare il potere, il nuovo governo abolì l'han nel 1871 e ridivise il paese in prefetture.


Il governo smantellò la classe dei samurai sollevando il proprio esercito nazionale arruolato dove i comuni e i samurai combatterono fianco a fianco e mettendo fuori legge il trasporto di spade nel 1876.


Alla gente comune era ora permesso prendere un cognome ed era libera da qualsiasi restrizione di lavoro o di viaggio.

Anche se non senza problemi, l'era Meiji è stata ricordata come una speranza e scoperta; la fonte di entrambi era il serraglio infinito di tutte le cose occidentali.


La Restaurazione Meiji, come l'evento è diventato noto, ha segnato l'inizio dell'ambiziosa ascesa del Giappone a una potenza globale che, per la prima volta nella storia, avrebbe visto un paese asiatico stare fianco a fianco con le potenze europee.



"Pompieri".


Molti giapponesi si sono affrettati ad adottare lo stile occidentale sia nel loro aspetto che nelle loro azioni.

Ad esempio, il tradizionale taglio di capelli giapponese per i maschi era il chommage. Ciò richiedeva che la testa fosse rasata tranne che per la parte posteriore, che veniva poi tirata su e piegata sopra la parte superiore della testa.


Grazie alla sua alta manutenzione e alla sua natura scomoda, non ci volle molto perché molti uomini passassero alle acconciature occidentali, specialmente quegli uomini che erano impegnati nelle nuove professioni come insegnante di scuola, poliziotto o funzionario Meiji.


Come per le acconciature, sono state le persone nelle nuove professioni e l'esercito a prendere l'iniziativa nell'adottare abiti occidentali. Anche allora, nelle città, non era raro vedere qualcuno in un kimono con scarpe occidentali o in un obi indossato con occhiali e un ombrello.


Gli abiti tradizionali sono rimasti al loro posto però per coloro che erano impegnati in ruoli tradizionali come l'agricoltura o la pesca. C'è voluto molto tempo affinché i nuovi costumi riuscissero a penetrare nelle abitudini di campagna perché c'erano poche ragioni per cambiare, e in realtà molti dei cambiamenti nei villaggi provenivano dai veterani di ritorno dal servizio e dai giovani che erano andati in città.


Il fotografo originale dietro queste incredibili stampe colorate a mano del Giappone negli anni 1890 è purtroppo sconosciuto.

Le foto fanno parte di una grande collezione di foto tenute dalla New York Public Library e vanno dalle immagini in posa della vita domestica ai paesaggi mozzafiato del Giappone.

I titoli delle foto sono come originariamente ha deciso il fotografo.


“Takaboko Nagasaki.”


"Matsushima, Mare Interno."


“Ragazze addormentate nel letto giapponese.”


"Matsushima, Mare Interno."


“Kago, sedia da viaggio.”


“Miyajima, Autunno.”


“Teatro su strada, Yokohama.”


“Cascata, Yumoto.”


“Riso da trebbiare.”


“Giovane infermiera.”


“Hancing Bridge (Vicino al Fuji).”


"Agricoltori che piantano germogli di riso".


"Prelevando acqua dal pozzo".


“Campo del tè a Uzi, Yamashiro.”


"Mare interno di Matsushima."


“Tempio del cavallo di bronzo, Nagasaki.”


“Cucina (preparando la cena).”


“Auto Sacra.”


“Cascata Nunobiki, a Kobe.”


“Fuji di Yoshiwara (Tokaido).”


“Boschetto di Bamboo, Kyoto.”


“Sepolcro, Shiba, Tokyo.”


“Mangiando riso.”


"Mangiando sul lato della strada".


“Contadino.”


“Akasaka, Tokyo.”


“Spettacolo (ponte) a Otani, Kioto.”


“Tipo di danza con la corda.”



(Photo credit: New York Public Library / Testo: Josh Kilgore / Shibusawa, Keizo. Vita e cultura giapponese nell'era Meiji. Tokyo: Tokyo Bunko, 1969 / Yamagida, Kunio. Maniere e costumi giapponesi nell'era Meiji. Tokyo: Tokyo Bunko, 1969).


Articolo a cura di M.Matteo Gagliardi, Direttore del Centro Culturale Italia Giappone ''Sicomoro'' in Italia


TI È PIACIUTO L'ARTICOLO?



SE VUOI RICEVERE UNA NOTIFICA OGNI NUOVO ARTICOLO REGISTRATI SUL SITO.

(Ogni lunedì un nuovo articolo)


CHE COS'È IL CENTRO CULTURALE ITALIA GIAPPONE ''SICOMORO''?


165 visualizzazioni0 commenti

Kommentare


bottom of page