Pellegrinaggio degli 88 Templi, Shikoku

Updated: Jun 20

Henro: un pellegrinaggio con più di 1200 anni di di storia

Nell'anno 2014 si sono compiuti 1.200 anni dalla nascita del pellegrinaggio henro, creata dal monaco Kūkai (774-835). Questo percorso, che comprende 88 templi buddisti sparsi nelle quattro prefetture dell'isola di Shikoku, riceve sempre più attenzione in quanto è viaggio tranquillo come pochissimi al mondo.


Lo scopo del pellegrinaggio di Henry non è solo religioso; attira anche molti giovani che desiderano migliorare la propria salute o che desiderano visitare luoghi pieni di energia positiva. Inoltre, sempre più stranieri si recano in Giappone per percorrere il sentiero del pellegrinaggio di Shikoku. Per gli abitanti dell'isola, il percorso va oltre la religione e costituisce una parte importante del patrimonio culturale giapponese, motivo per cui si stanno compiendo sforzi per includerlo nella lista del patrimonio mondiale dell'UNESCO.



40 giorni a piedi con un tragitto minimo di 1.130 kilometri.

Il percorso inizia a Ryōzen-ji (Tempio 1), nella Prefettura di Tokushima; Continua nelle prefetture di Kōchi ed Ehime e si conclude a Ōkubo-ji (tempio 88), nella prefettura di Kagawa. Il viaggio ha un minimo di 1.130 chilometri e si percorre a piedi in circa 40 giorni, una dozzina se si fa in autobus o in treno.


La leggenda narra che il Giappone sia la patria di circa otto milioni di divinità; l'arcipelago giapponese possiede una varietà di rotte di pellegrinaggio molto superiore rispetto ad altri paesi: il culto della natura e degli antenati convivono con religioni come lo shintoismo, il buddismo e il confucianesimo. Di tutte le strade esistenti, il ruscello Shikoku spicca per la sua bellezza accanto al santuario Ise Shinto e al percorso Kumano.


Tuttavia, le origini del percorso di pellegrinaggio Shikoku sono incerte. Mentre alcuni dicono che sia stato il monaco buddista Kūkai (noto come Kōbō-Daishi dopo la sua morte) ad iniziarlo, altri dicono che sia stato Emon Saburō. Secondo una leggenda, questo personaggio, legato a Ishite-ji (tempio 51), nella prefettura di Ehime, iniziò a viaggiare per l'isola alla ricerca di Kūkai per scusarsi con lui di avergli negato l'elemosina.

Nel XVII secolo la via del pellegrinaggio Shikoku era già diventata popolare tra i giapponesi. Una guida sul sentiero del monaco buddista Yūben Shinnen, Shikoku henro michishirube, risale a questo periodo, pubblicata nel 1689. Questo libro è stato un best-seller fino all'era Meiji (1868-1912) e il suo autore ha guadagnato il soprannome di "padre del pellegrinaggio Henro", poiché nell'opera ha specificato quali erano gli 88 templi del percorso.


Un altro personaggio legato al pellegrinaggio Shikoku è il poeta haiku Taneda Santōka (1882-1940), che ha paragonato Henro alla vita stessa; Taneda ha completato il percorso due volte.


Tra gli illustri pellegrini stranieri spicca l'antropologo dell'Università di Chicago Frederick Starr (1858-1933), che visitò tutti gli 88 templi nel 1921. All'epoca Starr era conosciuto in Giappone per la sua passione per le carte votive tipiche dei luoghi sacri.


Negli ultimi anni spicca, ad esempio, il passaggio per il percorso dell'ambasciatore spagnolo in Giappone, Miguel Ángel Navarro Portera, in occasione del quarto centenario delle relazioni diplomatiche tra i due paesi. Il fatto che la Spagna abbia il suo percorso di pellegrinaggio, Patrimonio dell'Umanità, il Camino de Santiago, ha motivato la visita.



Un viaggio per incontrare se stessi

L'origine del nome Henro per riferirsi al pellegrinaggio di Shikoku ha la sua spiegazione nel fatto che quest'isola si trova in una zona remota dell'arcipelago giapponese; nei tempi antichi, la parola hendo ("luogo remoto" in giapponese) era usata quando si parlava di questo tipo di enclave, una parola che sarebbe derivata dal termine henro. A prescindere dalla loro lontananza, sono molti i giapponesi che nei diversi periodi della storia hanno percorso gli 88 templi del percorso e hanno visto questo lungo viaggio come un'opportunità per ritrovare una nuova vita.


Il percorso è diviso in quattro sezioni corrispondenti alle quattro prefetture che compongono Shikoku, ovvero: Tokushima, il “Sentiero del Risveglio”, templi 1-23; Kōchi, la "Via dell'Ascetismo", templi 24-39; Ehime, il "Sentiero dell'Illuminismo", templi 40-65; e Kagawa, la "Via del Nirvana", templi 66-88.


I pellegrini dimenticano gli obblighi come la famiglia, la classe sociale, la posizione e la proprietà, e si dedicano al viaggio, motivo per cui il pellegrinaggio è diventato un viaggio in cui le persone si formano e si ritrovano. Come regola generale, il viaggio viene effettuato individualmente, sebbene il cappello di carice conico che indossano i pellegrini abbia un'iscrizione che allude al fatto che Kūkai li accompagna sempre.



Offerte senza ricompensa

Coloro che fanno il pellegrinaggio sono conosciuti come henro-san. Durante il pellegrinaggio, la cosa normale è vestirsi completamente di bianco e indossare un cappello di carice conico che protegga sia dalla pioggia che dal sole, anche se questo non significa che ci sia un abbigliamento regolamentato. Oggigiorno, gli articoli relativi al pellegrinaggio Shikoku sono disponibili a buon mercato, quindi è facile mettersi nei panni di un "vero" pellegrino.

A sinistra, un manichino vestito da pellegrino. Indossa un cappello di carice conico (1), abiti bianchi (2), un bastone di legno (3) e una borsa di stoffa (4). A destra, oggetti di pellegrinaggio in vendita a Ryōzen-ji (tempio 1).


In passato non sono stati pochi i pellegrini morti durante il percorso. Per questo motivo, i viaggiatori indossavano sempre il bianco, un colore che è associato all'idea che siamo tutti uguali davanti a Buddha.


Un altro aspetto importante del pellegrinaggio henro è offrire cibo e un luogo di riposo ai pellegrini. Nel mondo degli affari, quando vengono offerti regali, è sempre previsto un ritorno; tuttavia, su questo pellegrinaggio, le offerte non vengono mai ricompensate. Si potrebbe dire che il concetto di gentilezza e ospitalità caratteristico del Giappone ha la sua origine in questo comportamento, sebbene si tratti di atti disinteressati con i quali viene trasmesso un sentimento di gratitudine a Kūkai. L'espressione nisehenro, "falso henro", è usata per screditare coloro che non percorrono il sentiero di pellegrinaggio e il cui unico scopo è essere intrattenuti.



Un forte interesse per la cultura e la religione giapponese

Il proprietario di un alloggio per pellegrini raccontava:

“Riceviamo più visitatori dall'estero che stranieri residenti in Giappone"

Inoltre: "Ci sono molti stranieri che vogliono approfondire la loro conoscenza della cultura e della religione giapponese", dice.


In due anni, il numero di stranieri che hanno utilizzato i loro servizi non solo sale a circa 2.500 persone, ma afferma anche che "non ci sono stati quasi problemi" e che la maggior parte di loro si reca direttamente al proprio stabilimento dopo aver consultato siti web come Rakuten e Lonely Planet, quest'ultima specializzata in viaggi.


Nell'alloggio, spiega ai turisti le modalità e le abitudini del pellegrinaggio, così come il sutra buddista Hannya Shingyō, che i pellegrini recitano spesso lungo il percorso. Lo stabilimento dispone di sette camere; le singole più economiche costano 4.500 yen e le doppie 7.000 yen. Come regola generale, gli ospiti soggiornano normalmente due giorni e tre notti, anche se la permanenza massima può superare un mese e mezzo.



Popolarità tra i giovani, interessati alla storia e ai luoghi pieni di energia

Il percorso del pellegrinaggio Shikoku attira anche i giovani che vogliono migliorare la propria salute o sono interessati a visitare luoghi pieni di energia o di carattere storico. “Partire da zero”, “Ritrovarsi” o “Curare i propri dolori” sono espressioni associate al pellegrinaggio Henro.


Ad esempio, Kōnomine-ji (tempio 27) è noto per le sue acque: si dice che grazie a loro una donna affetta da una grave malattia sia scampata alla morte. Inoltre, è famoso per essere il tempio al quale si recava quotidianamente la madre di Iwasaki Yatarō, fondatrice di Mitsubishi Zaibatsu, che vi pregava per suo figlio.


Unpen-ji (Tempio 66) è popolare tra le donne per la sua caratteristica panchina in bronzo per i desideri, che ha la forma di una melanzana. L'origine di esso risulta da un gioco di parole con il termine nasu, "melanzana" in giapponese, e il verbo nasu, che è scritto con un altro carattere cinese e che significa "adempiere". Il famoso Zentsū-ji (Tempio 75) ospita una cerimonia ogni anno a giugno in cui vengono fatte offerte di noodles sanuki udon, una varietà che apparentemente proveniva dalla Cina per mano del monaco Kūkai.


Per quanto riguarda i fatti storici, Ishite-ji (tempio 51) è legato all'inizio del pellegrinaggio di Henro. In questo spicca anche il Sankaku-ji (tempio 65), il luogo dove il poeta haiku Kobayashi Issa (1763-1828) si recò a pregare per un parto senza complicazioni per sua moglie; è anche noto il Mandara-ji (tempio 72), dove il poeta Saigyō Hōshi costruì una capanna in cui visse per circa sette anni. Davanti alla sala principale di questo tempio c'è ancora una pietra piatta su cui lo scrittore era solito schiacciare un pisolino.


Se ti è piaciuto e non vuoi perdere il prossimo articolo seguici su Facebook, ti aggiorneremo anche su tante altre curiosità!

Per seguirci → Centro Culturale Italia Giappone ''Sicomoro''


(A cura di M.Matteo Gagliardi, direttore del Centro Culturale Italia Giappone ''Sicomoro'' in Italia)





119 views0 comments

Recent Posts

See All