Manekineko: Chi è il gatto più famoso del Giappone?

Un gatto che ti saluta con la zampa può essere divertente. Ma quando affronti un intero esercito?


Si dice che questi gatti, conosciuti come ''manekineko'', attirino la fortuna e possono essere facilmente trovati in Giappone all'ingresso di negozi e ristoranti. Ci sono molte varietà, e questo è uno dei motivi per cui è inquietante trovare un gruppo uniforme che differisce solo per le sue dimensioni. È un po 'come trovarsi di fronte a una folla a un evento sportivo o a una manifestazione politica.



Le origini

Il famoso esercito di ''Manekineko'' si trova a Gōtokuji, un tempio di Setagaya, a Tokyo. Secondo una leggenda, un feudatario del XVII secolo del dominio di Hikone (ora parte della Prefettura di Shiga) stava passando di lì quando un gatto apparve all'improvviso e gli ordinò di andare al tempio. Il signore fu contento di aver accettato l'invito, poiché un'improvvisa tempesta iniziò a cadere e trovarsi nel tempio lo salvò dall'essere inzuppato fino alle ossa. In segno di gratitudine, l'uomo ha fatto importanti donazioni e ha designato il luogo in cui ha trovato rifugio come tempio della sua famiglia.


Un'area del tempio fu designata per venerare il gatto e quando le loro preghiere furono esaudite, le persone fecero offerte sotto forma di manekineko come ringraziamento. Così è nata la collezione. All'inizio avrebbe dovuto esserci una maggiore varietà di ''manekineko'', ma ora gli unici gatti autorizzati sono i bianchi approvati dal tempio.


Alcuni dicono che sia questa la vera leggenda del famoso e attuale felino, ma ci sono molte altre teorie.


Per esempio il Santuario di Imado, sempre a Tokyo, vanta di una delle teorie più famose.

La storia racconta che una donna anziana doveva sbarazzarsi del suo gatto perché era così povera che non poteva nutrirlo. Una notte il gatto gli apparve in sogno per aiutarla e gli consigliò di realizzare statuine in ceramica con la sua immagine.

L'anziana fece così, e così nacque il manekineko.


È difficile scegliere tra queste e molte altre possibili origini, ma sicuramente qualsiasi leggenda ci mostra come questo figura viene in aiuto portando fortuna.


Curiosità

In Giappone si dice che un gatto con la zampa destra alzata porti soldi, mentre se alza la sinistra porta i clienti. Allora perché non fare gatti con entrambe le zampe alzate? C'è chi lo fa, ma normalmente questo è considerato avarizia e

imbroglio, in ogni caso somiglia ben troppo al gesto ''Banzai''.


Si dice anche che i colori abbiano diversi significati. I gatti bianchi sono i più comuni e quindi piuttosto generici, i gatti neri spaventano gli spiriti maligni, i gatti rossi tengono a bada le malattie e i gatti d'oro attraggono il denaro.


I ''Manekineko'' sono sempre più comuni anche fuori dal Giappone, come a Taiwan e soprattutto in varie Chinatown sparse in tutto il mondo, dove sono spesso conosciuti come "gatti fortunati". In effetti, l'identificazione con Chinatown è diventata così forte che molti credono erroneamente che sia una tradizione cinese.


Una cosa che i gatti di Gōtokuji non hanno e che molti dei loro fortunati colleghi felini hanno è un ''koban'', una piccola moneta d'oro ovale del periodo Edo (1603–1868), tenuta nella zampa abbassata. Ancora una volta, la ragione di ciò non è molto chiara, ma può essere considerata inappropriata nell'ambiente di un tempio. Invece, il popolare proverbio neko ni koban (che significa "una moneta d'oro per un gatto", o nella traduzione letterale, "perle ai porci") è in palese contraddizione con l'idea che i gatti vanno d'accordo con il denaro.


Che ne pensate? Conoscete altre curiosità sul ''Manekineko''?


Se ti è piaciuto e non vuoi perdere il prossimo articolo seguici su Facebook, ti aggiorneremo anche su tante altre curiosità!

Per seguirci → Centro Culturale Italia Giappone ''Sicomoro''



(A cura di M.Matteo Gagliardi, direttore del Centro Culturale Italia Giappone ''Sicomoro'' in Italia)

143 views0 comments

Recent Posts

See All